«Domeniche da Tiffany» di James Patterson e Gabrielle Charbonnet

Titolo: Domeniche da Tiffany
Autore: James Patterson e Gabrielle Charbonnet
Editore: Corbaccio
Genere: Romanzo Rosa
Prezzo e-book: € 3,99
Prezzo Libro (copertina rigida): € 13,06
Prezzo Libro (copertina flessibile): € 4,25

Acquistalo su Amazon >>

Jane è una bambina solitaria e sensibile. Sua madre, la potente e cinica Vivienne Margaux è una produttrice teatrale di Broadway e non ha tempo per lei: giusto un bacino ogni tanto e qualche rimprovero per un gelato di troppo. Il padre è stato uno dei molti mariti di Vivienne e solo saltuariamente fa capolino nella vita della figlia, accompagnato dalla nuova – e giovane – compagna. Ma per fortuna c’è Michael: bello, comprensivo, affettuoso, sempre disponibile ad accompagnare Jane a scuola, a portarla a fare merenda al lussuoso Astor Court del St. Regis Hotel, a rimboccarle le coperte la sera. Solo che... Solo che Michael è un amico immaginario, e il compito degli amici immaginari è quello di accudire i bambini fino ai nove anni di età. Dopo dovranno cavarsela da soli. Per fortuna la loro scomparsa non lascia traccia nella memoria. Ma Jane è diversa da tutti gli altri e non ha dimenticato. A trent’anni ancora pensa con rimpianto a Michael. Lavora per la casa di produzione di Vivienne, è sempre lievemente sovrappeso, è sempre sensibile e solitaria, nonostante un bellissimo fidanzato che sta con lei solo per far carriera. E poi un giorno accade l’impensabile: Jane e Michael si incontrano casualmente a New York. Sono passati più di vent’anni, ma lui è identico, perfetto, non è invecchiato di un giorno. Jane pensa di essere impazzita: Michael esiste? È un uomo? Un angelo? In fondo ha importanza? Quel che conta è che Jane è innamorata e che Michael è l’uomo perfetto per lei...

Una storia d’amore divertente e commovente, incredibile e meravigliosa. Come tutti noi sogniamo di avere.

«Una bugia sotto l'albero» di R. Vera e Rosanna Fontana

Titolo: Una bugia sotto l'albero
Autore:  R. Vera e Rosanna Fontana
Editore: Self
Genere: Romanzo Rosa
Prezzo e-book: € 0,99
Prezzo libro: € 9,33

Puoi acquistarlo su Amazon cliccando qui

La Trama:

Milano, periodo delle festività natalizie.
Viola è una ragazza studiosa e assennata, con tanta voglia di aiutare gli altri. Federico è un viziato figlio di papà, egoista e donnaiolo.
Con totale assenza di tatto, il destino li mette sulla stessa strada e li sottopone a una dura prova: farli lavorare insieme.
Equivoci, terzi incomodi, amici strani, genitori ingombranti e bugie, nulla possono quando l’attrazione fisica è forte come la loro.
Ma un amore appena nato è troppo fragile per riuscire a superare ostacoli così grandi. Oppure no?
Viola e Federico non avranno tempo di annoiarsi e le loro feste saranno più che indimenticabili. 


La Recensione (di Debora)

Ebbene sì, cari lettori, avete letto bene! Nonostante le temperature ancora estive, oggi niente lettura da sotto l'ombrellone, bensì una lettura da plaid e cioccolata calda.
 
Il libro di cui vorrei parlarvi oggi, infatti, si intitola “Una bugia sotto l'albero”, ed è stato scritto da R. Vera e Rosanna Fontana.
 
Viola è una giovane studentessa, ma anche volontaria di un'associazione. È dolce, sensibile, un po' imbranata ma molto altruista. Sotto il periodo di Natale, decide di fare un colloquio in un centro commerciale come addetta all'incartamento dei regali. Tutto ciò non per un guadagno personale, ma per dare il ricavato a Hassan, un giovane immigrato siriano a cui Viola è affezionata e che ha bisogno di una protesi per poter trovare un lavoro onesto.
 
Federico, invece, è tutto l'opposto di Viola: un giovane figlio di papà, egoista e donnaiolo.

I genitori, stufi dell'ennesima bravata del figlio che mette a repentaglio la loro reputazione, decidono di ritirargli ogni benefit, dall'auto alle carte di credito, dandogli un ultimatum: il ragazzo dovrà laurearsi entro un anno, altrimenti si dovrà cercare un lavoro e sarà fuori dall'impresa di famiglia.
 
I due ragazzi si scontreranno letteralmente, con una goffa Viola che finisce accidentalmente addosso a Federico con la bicicletta. Questo primo approccio sarà già particolarmente conflittuale.
Un veloce scambio di battute e subito l'inquadro. Si capisce che è uno snob, antipatico e che crede di essere il re dell'universo. Non è per niente il mio genere di uomo.
In quell'occasione, la giovane perderà il giornale con evidenziato l'annuncio del colloquio verso cui si sta dirigendo; e Federico, in cerca di qualche metodo per guadagnare dei soldi per mantenersi, deciderà di presentarsi allo stesso colloquio.
 
Peccato che oltre ad essere arrogante e presuntuoso, il ragazzo sarà anche sleale verso l'ingenua Viola: le ruberà il lavoro da sotto gli occhi con una mossa meschina.

Ma Viola non ci sta, ha bisogno di quei soldi e riuscirà a imporsi intelligentemente per ottenere anch'ella il lavoro.
 
Entrambi saranno così costretti a lavorare fianco a fianco; e se inizialmente sembrerà una cosa impensabile, con due caratteri esattamente opposti, giorno dopo giorno avranno l'opportunità di conoscersi meglio.
 
Soprattutto l'egoista e donnaiolo Federico, inaspettatamente, inizierà a vedere Viola sotto una luce diversa.
 Non ho mai fatto un gesto così cavalleresco con nessuna e sono felice che stia capitando proprio adesso qui con lei. Mi sta facendo scoprire lati di me che non sapevo nemmeno esistessero. Direi che la realtà in generale mi appare differente, tutto ha un sapore più dolce, più pulito, quando le sto accanto.
Peccato che Federico nasconda a Viola il suo attuale stato economico e di vita, passato da lussi ed extralussi al doversi guadagnare da vivere con le proprie mani.
 
I due si lasceranno trasportare dai loro nuovi sentimenti e vivranno una dolce storia d'amore, ma cosa succederà non appena la ragazza scoprirà che il ragazzo di cui si è innamorata le ha raccontato bugie su bugie?
 
Cari lettori, non aspettatevi una storia originale, impegnativa o con colpi di scena, perché qui le parole che meglio descrivono questo romanzo sono leggerezza, ironia e spensieratezza.
 
La scrittura è scorrevole, anche se un po' adolescenziale, con la narrazione dai punti di vista di entrambi i protagonisti, con i quali si entra facilmente in sintonia per la loro naturalezza e spigliatezza.
 
Consigliato a tutti coloro che desiderano passare una piacevole serata di puro relax, in compagnia di una storia d'amore giovane e carina.
 
Buona lettura a tutti!
 

«La figlia scomparsa» di Jenny Quintana

Titolo: La figlia scomparsa
Autore: Jenny Quintana
Editore: Garzanti
Genere: Gialli e Thriller
Prezzo e-book: € 9,99
Prezzo Libro: € 14,96


UNA NUOVA POTENTE VOCE NEL PANORAMA DEL THRILLER CONTEMPORANEO

UN VIAGGIO NELL'OSCURO E INDISSOLUBILE LEGAME TRA DUE SORELLE

A volte il silenzio è più pericoloso della verità

Sono passati trent’anni. Anna Flores si è costruita una vita lontano da casa. Lontano da quel polveroso paesino della campagna inglese dove ha giurato che non avrebbe mai più messo piede. Ma l’improvvisa morte della madre la costringe a tornare. A rivedere quei luoghi che la riportano al 1982, quando, in una fredda giornata d’autunno, sua sorella Gabriella è scomparsa senza lasciare traccia. Proprio lei che le ha sempre raccontato tutto e non se ne sarebbe mai andata senza prima salutarla. Da allora, la polizia ha seguito centinaia di piste senza scoprire la verità. E anche Anna ha cercato ovunque, si è posta innumerevoli domande, ha formulato le ipotesi più disparate. Tutto finito nel nulla. Nel silenzio complice dietro cui si trincerano gli abitanti del paese. Ma ora Anna ne ha abbastanza. Mentre riordina gli scatoloni della madre, trova un ritratto di Gabriella che sembra essere appartenuto all’allora vicino di casa, un uomo burbero e solitario. È il primo indizio dopo una vita passata a brancolare nel buio. Il primo a convincere Anna che deve riprendere la ricerca, forse cominciando proprio dalla proprietà di quel vicino che ha sempre avuto l’aria di una persona che nasconde qualcosa. Ha bisogno di trovare la risposta alle domande che ha ricacciato in fondo al cuore e che ora stanno riaffiorando a poco a poco. Di dissipare il mistero che avvolge la scomparsa della sorella. Ha paura, non può negarlo, ma lo deve a sé stessa, per poter andare avanti. E soprattutto lo deve a sua madre, che non ha potuto conoscere la verità, e a Gabriella, l’unica persona di cui si sia mai fidata.

Con La figlia scomparsa Jenny Quintana si è fatta notare dagli editori di tutto il mondo, che alla fiera di Londra hanno fatto a gara per aggiudicarsi i diritti di pubblicazione. Un thriller che coinvolge il lettore fin dalle prime pagine e lo trascina al centro di un mistero pluridecennale dove niente è come sembra. Un esordio sorprendente che mette a nudo le debolezze umane e ci ricorda che non esiste legame più forte di quello tra due sorelle, impossibile da spezzare.

«Jenny Quintana sa come catturare il lettore in un crescendo di colpi di scena così ben orchestrati che non riuscirete a smettere di leggere. "La figlia scomparsa" è davvero un romanzo irrinunciabile. per tutti gli amanti del grande thriller.» The Independent

«Un esordio magistralmente scritto.» The Sun

«Un thriller che brucia lentamente. Vi sorprenderà.» The Financial Times

«Tutto il mondo tranne noi» di Arianna Di Luna

Titolo: Tutto il mondo tranne noi
Autore:  Arianna Di Luna
Editore: Self
Genere: Romanzo Rosa
Prezzo e-book: € 2,99
Prezzo libro: € 10,90

Puoi acquistarlo su Amazon cliccando qui

La Trama:

A quasi trent’anni, Karen porta già le cicatrici indelebili del suo passato: ha dovuto piegarsi a un destino ingiusto che le ha stravolto l’esistenza.
Adesso vive da sola, insegna recitazione nelle scuole, ha degli amici strampalati a farle compagnia e la sua vita scorre serena ma prevedibile.
Jace ha diciannove anni, è bello, arrogante e apparentemente sicuro di sé, con un tormento interiore da tenere nascosto.
Quando lo incontra, Karen è convinta che tra di loro non potrà mai succedere nulla. Jace è uno studente del liceo e lei è la sua nuova insegnante. Non c’è altro da fare se non evitare i suoi sguardi e negare l’attrazione inattesa che poco a poco li spinge l'uno verso l'altra. Ma Jace ha la terribile capacità di risvegliare in lei emozioni che credeva perse per sempre, e non ha nessuna intenzione di farsi fermare dalla differenza d’età. E Karen non può più fingere di non provare nulla per lui. 


La Recensione (di Debora)

Un caro saluto a tutti voi, cari lettori.

Oggi vorrei parlarvi del libro “Tutto il mondo tranne noi”, scritto da Arianna Di Luna.

Vorrei cominciare con una piccola premessa: nonostante i vari libri già pubblicati, ho conosciuto la scrittura di Arianna solo poche settimane fa, quando ho recensito la sua ultima uscita Siamo nuvole nel vento. Dato che sono rimasta piacevolmente coinvolta da quella lettura, ho voluto cogliere l'occasione per leggere qualcos'altro di suo.

Chi ha letto e ricorda il libro sopra citato sa già che Arianna affronta una tematica particolare, al limite del proibito: l'amore tra cugini. Anche nel libro che vi sto per raccontare l'autrice si focalizza su un amore che confina con il proibito e i pregiudizi: quello tra insegnante e studente.

Karen Rowan ha ventinove anni e un'indelebile ferita nel cuore, lasciatole dalla perdita di una persona per lei fondamentale. Da poco ha ricevuto l'incarico di insegnare un corso extracurricolare al liceo, in qualità di professoressa di recitazione. È una donna intelligente e caparbia, e sebbene sia in ansia e inquietata dall'insegnare a degli adolescenti, è ben determinata a ricoprire il ruolo assegnatole.

Uno dei suoi studenti è Jace Felton-Riley, affascinante diciannovenne, dal bell'aspetto e figlio di genitori famosi. Il padre era infatti un pilota di Formula Uno; la madre invece, una stella del cinema britannico. Entrambi sono morti in un incidente aereo, lasciando orfano il piccolo Jace all'età di soli dieci anni.

Fin da subito Karen, sebbene professionale nel suo ruolo, prova una forte attrazione per Jace, il quale appare molto più adulto dei suoi diciannove anni. All'apparenza presuntuoso e sicuro di sé, durante l'evoluzione della narrazione il ragazzo si rivelerà un ragazzo forte, maturo e tenero.

L'intesa fra Karen e Jace è ben palpabile, ma entrambi si trattengono, consapevoli che potrebbe essere un rapporto pericoloso. Un rapporto nel quale, sebbene non ci sia illegalità, la differenza di età di dieci anni pesa innegabilmente, per non parlare dei ruoli ricoperti che potrebbero mettere Karen nella posizione di pensare di essersi approfittata del giovane studente.

La situazione andrà avanti così fino a quando la passione non prenderà il sopravvento. A quel punto non saranno né l'età né i ruoli scolastici a frenarli.

Ma una volta fuori dalle quattro mura, nelle quali entrambi si sentono sicuri, liberi e felici, questo amore al limite del proibito sarà abbastanza forte da sopravvivere ai pregiudizi e agli ostacoli?

Se vi va, scopritelo anche voi in questa piacevole lettura!

Per gli amanti del genere, la storia insegnante/studente non è di certo una novità. Si potrebbe evidenziare, però, una particolarità: in questo caso l'insegnante che ha molti più anni dello studente è una figura femminile, in netto contrasto col solito cliché del bellissimo e imponente professore maschio.

E anche se l'anno scorso mi è capitato di leggere un altro libro di un'autrice italiana che riportava una rappresentazione molto simile dei personaggi, anche in fatto di caratteri, devo riconoscere che l'ottima e scorrevole scrittura di Arianna, assieme allo sviluppo graduale e mai affrettato degli eventi, mi hanno coinvolta positivamente nella lettura di questa storia, dalla prima all'ultima pagina.

La narrazione è dal solo punto di vista di Karen, ma non si sente l'esigenza di conoscere il pov di Jace, perché i personaggi sono ben delineati; e i dialoghi sono sempre ben curati.

È una storia semplice e senza colpi di scena, ma è dolce e scorrevole, che affronta una tematica delicata in modo naturale, senza mai cadere nel baratro del surreale o del banale.

Buona lettura!

«A cosa serve questo pulsante?» di Bruce Dickinson

Titolo: A cosa serve questo pulsante?
Autore: Bruce Dickinson
Editore: HarperCollins Italia
Genere: Autobiografie
Prezzo e-book: € 9,99
Prezzo Libro: € 16,57

Acquistalo su Amazon >>

"Ero brufoloso, portavo la giacca a vento e dei jeans a zampa di elefante con Purple e Sabbath scritto a penna sulle cosce, e guidavo un motorino scassato e rumorosissimo. E sì, volevo diventare un batterista..."

Bruce Dickinson, leggendario frontman degli Iron Maiden, è uno dei più iconici cantanti e autori della storia. Ma oltre a vantare una carriera musicale di grande successo, è anche pilota di linea per una compagnia aerea, imprenditore, speaker motivazionale, produttore di birra, scrittore, deejay radiofonico, sceneggiatore per il cinema, e come se non bastasse è anche un campione di scherma a livello internazionale: davvero uno degli uomini più eccezionali e interessanti del mondo.

A cosa serve questo pulsante? è molto più di un memoir: è una riflessione sugli alti e bassi della vita. Con la sua voce intensa e scanzonata, Bruce ripercorre le imprese esplosive della sua eccentrica infanzia inglese e il folgorante successo degli Iron Maiden, racconta la filosofia della scherma e la sua esaltante esperienza come pilota di boeing, fino ad arrivare alla recente lotta contro il cancro.

Coraggioso, sincero, energico e divertente come le performance del suo autore, A cosa serve questo pulsante? è un viaggio intimo nella vita, nel cuore e nella mente di un'autentica leggenda del rock.

«L'isola delle camelie» di Tabea Bach

Titolo: L'isola delle camelie
Autore: Tabea Bach
Editore: Giunti
Genere: Romanzo Rosa
Prezzo e-book: € 8,99
Prezzo libro: € 12,66

Puoi acquistarlo su Amazon cliccando qui

La Trama:

Viaggi di affari, party esclusivi, un lussuoso appartamento a Monaco e, soprattutto, un marito affascinante che vuole al suo fianco una donna all’altezza. A trentacinque anni Sylvia ha una vita che tutte le invidiano, e che lei stessa ha sempre pensato di desiderare. Finché un giorno, da un passato lontano, riemerge con forza una figura ormai dimenticata: sua zia Lucie, di cui aveva perso ogni traccia dopo un misterioso scandalo familiare, le ha lasciato in eredità un vivaio in Bretagna. Un’ottima occasione per il marito Holger, immobiliarista di grido, che trova subito un acquirente interessato. Mancano solo quattro settimane alla vendita, eppure quell’inaspettato dono risveglia in Sylvia un’ondata di ricordi e di emozioni: le spensierate corse in riva al mare con la giovane Lucie, dagli occhi color fiordaliso che ricordano tanto i suoi. Ma perché all’improvviso la zia è sparita e pronunciare il suo nome è diventato un tabù? E perché Holger cerca di dissuaderla dal visitare la tenuta? Spinta da un impulso irresistibile, Sylvia si mette in viaggio per la Bretagna. Lo spettacolo che la accoglie è di una bellezza mozzafiato: un’isoletta coperta da centinaia di camelie in fiore, in ogni sfumatura del rosa e del bianco. E quando al tramonto le maree sommergono il sentiero che unisce l’isola alla terraferma, Sylvia si ritrova racchiusa in un luogo magico, dove Solenn, l’anziana vivaista dai modi ruvidi, e Maël, appassionato floricoltore, la introdurranno ai segreti e alle piccole cure indispensabili per far sbocciare i fiori più rari e i sogni più inconfessati…

La Recensione (di Roxy D.)

Carissime amiche e carissimi amici,

questa settimana vi parlo del libro "L'isola delle camelie", scritto dalla rivelazione tedesca Tabea Bach.

Per prima cosa lasciatemi dire una frivolezza: che bella copertina! Ne sono rimasta incantata, tanto che ho voluto riservarmi la lettura durante le vacanze, al mare, per entrare ancora meglio in sintonia col clima da sogno che, ero certa, avrei trovato in questo libro.

In linea di massima non sono rimasta delusa. La storia è molto coinvolgente e, anche se a prima vista sembra rispecchiare alcuni cliché su cui si basano romanzi e serie tv basate sulle saghe familiari, devo dire che l'autrice ha saputo dosare bene ogni singolo passaggio, rendendo la lettura scorrevole, lineare, piacevole, per nulla pesante. Trovando spunti nuovi e riservandoci qualche sorpresa. Interessante persino negli approfondimenti legati alla cura della piantagione di Camelie. E non è facile mixare sapientemente descrizioni tecniche e narrazione, senza perdersi in passaggi noiosi e poco coinvolgenti.

Il pregio di questo libro è proprio questo: l'autrice riesce a dare credibilità alla narrazione; riesce a farci entrare in un mondo totalmente lontano dal nostro vivere quotidiano, facendocelo quasi toccare con mano; facendocelo percepire come reale, vero, possibile. Permettendoci di regalarci un sogno a occhi aperti.

Io sono rimasta rapita dall'ambientazione, che secondo me è il punto di forza di tutto il romanzo: si tratta di un'isola della Bretagna, in Francia, caratterizzata da una distesa di camelie bianche e rosa. Finché c'è l'alta marea sembra un'isola. In realtà, però, è allacciata alla terraferma da un sentiero che viene fuori con la bassa marea. Il luogo adatto per vedere nascere un nuovo coinvolgimento sentimentale e un'avventura che nasconde segreti e misteri.

Ed è quello che succede alla protagonista di questo romanzo. Sylvia è una donna apparentemente appagata: dopo aver sofferto per amore, ha deciso di legarsi a un uomo con il quale condividere una vita piena e soddisfacente, soprattutto da un punto di vista lavorativo, dove però i sentimenti non sono tenuti particolarmente in considerazione. Ciò che lega Sylvia al marito Holger, infatti, è una profonda stima, rispetto, ammirazione. Pienamente ricambiati.

Ma quando la zia Lucie muore e Sylvia eredita il suo "vivaio", Holger manifesta subito l'urgenza di liberarsene, con un interesse tale da mettere la moglie nella posizione di domandarsi perché tutta questa fretta. Dalla decisione di Holger alla sorpresa di Sylvia alla vista di quel "vivaio", che altro non è che l'ammaliante isola delle camelie, assistiamo a un'avventura molto bella da leggere, da scoprire pagina dopo pagina.

Sylvia, in incognito sull'isola per scoprire i segreti che ruotano intorno alla zia Lucie, conoscerà Maël e si ritroverà coinvolta in una storia d'amore con lui.

La storia sentimentale sarà piacevole da leggere, insieme a tutto il resto: una storia ricca, piena, con tante sfaccettature intriganti e personaggi ben rappresentati, che ci entreranno facilmente nel cuore.

Lettura adatta alle lettrici più romantiche, che in un libro cercano anche avventura e mistero, tutto sapientemente dosato, e per niente dispersivo.